La Trippa è uno degli stomaci del bovino e più precisamente comprende i primi due stomaci, il rumine che è il diverticolo più voluminoso dei quattro stomaci, corrisponde ai 9/10 della massa totale (200-250 litri) ed il reticolo, il più piccolo, noto sotto il nome di cuffia per la sua forma ellissoidale, dall’aspetto molto caratteristico per la presenza di rilievi laminari che anastomizzandosi circoscrivono delle cellette poliedriche assai regolari simili a quelle di un alveare.

Il rumine, come lo si trova comunemente in commercio, lessato, per le sue parti lisce e muscolose, è particolarmente indicato da consumarsi freddo, il reticolo più spugnoso, si presta maggiormente ad essere cucinato con ragù vari.

Nella cucina italiana la trippa è un piatto molto diffuso, possiamo quasi dire che ogni regione ne ha fatto un suo piatto tipico per le diverse maniere di come viene cucinata.
La Trippa è un alimento antico. I greci la cucinavano alla brace, mentre i romani la utilizzavano per fare salsicce.